Promozione in Serie B1 maschile

Le notizie di Maggio 2010

29/05/10 - PLAY-OFF Serie B2 Pallavolo Saronno - TMB Monselice 1-3

(32-30 / 19-25 / 18-25 / 20-25)

Saronno:De Caro 3, Bagatin 25, Loparco 5, Gerbella 12, Rossi 11, Crescini 2, Giudici (L), De Finis 3, Grisoli 5, Di Benedetto, n.e. Bozza, Munk, Monti (L2). All. Gervasoni.

Monselice:Ferrioli, Drago, Masiero, Canazza, Suman, Cibin, Bernuzzi (L), Bordin, De Grandis, Primo, Soloni, Ventrella, Pietrogrande. All. Bergo.

Giù il sipario. Saronno esce sconfitta anche da gara 2 della semifinale playoff per la promozione in B1 e chiude la sua stagione, lasciando ai veneti di monselice il piacere di andarsi a giocare la finale contro la vincente tra Ongina Piacenza e Asti. Non riesce quindi la "vendetta" ai saronnesi, usciti male da gara 1 e intenzionati a regalare una nuova soddisfazione ai propri tifosi: il 34-32 del primo set è l'ultimo sussulto della stagione prima che Monselice innesti il turbo e con merito chiuda la semifinale in 2 gare.

Il primo set è un condensato di emozioni: le due formazioni partono appaiate e non si scollano di un centimetro: Saronno forza la battuta (anche con qualche errore di troppo) per lasciare meno libertà di gioco al sempre ottimo Ferrioli, Monselice si affida ai posti 4 Cibin e Suman per tenere botta: il rpiom strappo è ospite (13-11) ma Saronno rientra trovando linfa dal doppio cambio in posto 4, e da 21 pari comincia un rush finale che si conclude solo dopo un quasi tie-break.

Saronno deve giocare al limite, rischiando molto in battuta e dovendo giocare con palla in mano per far saltare il muro padovano, e il gioco riesce ancora per poco: comincia Masiero in battuta a scavare un piccolo break e poi sale il muro ospite (15 a 6 a fine gara) a chiudere ogni varco al gioco saronnese che non riesce mai davvero ad avvicinarsi nel punteggio. Il terzo set è fotocopia del secondo, con Monselice che fugge anche di 6 punti (16-10) e poi da squadra solida quale si è dimostrata amministra limitando al minimo gli errori.

Nel quarto Saronno si gioca tutto, e prova a costringere a giocare di più i padovani, con servizi meno forzati e qualche tocco in più a muro e difesa ma quando i padroni di casa sembrano potersi riavvicinare (17-20 con Grisoli in battuta) il fallo di 8 secondi sanzionato allo schiacciatore varesino è il granello di sabbia che fa crollare tutta la costruzione e Monselice vola così in finale.

"Peccato, avremmo voluto regalare un'altra gioia al nostro pubblico e provare a giocarci la finale in gara 3, ma Monselice si è dimostrata più quadrata di noi in entrambe le gare ed è giusto che continuino loro questi play-off - commenta coach Gervasoni a fine gara - La chiave tecnica della gara? Volevamo togliere qualche scelta a Ferrioli forzando molto la battuta, ma nonostante i 9 ace in 4 set la loro linea di ricezione ha avuto un rendimento notevole e alla fine siamo stati noi a saltare commettendo ben 20 errori al servizio, e il loro muro è stato davvero ottimo nel limitare i nostri attacchi."

"Credo comunque che cali il sipario su una stagione positiva: siamo partiti con l'obiettivo di entrare nei playoff per dare continuità a quanto fatto nelle precedenti stagioni, ci siamo arrivati al fotofinish ma anche superando un grosso momento di difficoltà a marzo, e ci siamo tolti anche la soddisfazione di superare in 2 gare una squadra forte e solida come Mondovì. Usciamo perché abbiamo trovato una squadra che in queste due gare si è dimostrata superiore a noi in molti fondamentali ma credo che abbiamo poco da recriminare, se non gara 1 a Monselice quando è andata in campo una versione molto pallida di quello che questa squadra ha dimostrato di saper fare."

26/05/10 - PLAY-OFF Serie B2 TMB Monselice - Pallavolo Saronno 3-0

(25-18 / 25-18 / 25-14)

Monselice:Ferrioli 4, Drago 13, Suman 18, Cibin 5, Canazza 7, Masiero 6, Bernuzzi (L), Zorzi, Soloni, De Grandis, ne Ventrella, Pietrogrande, Bordin. All: Bergo.

Saronno:De Caro, Bagatin 9, Rossi 6, Crescini 6, Loparco 1, Gerbella 5, Giudici (L), Grissoli 2, Bozza, Di Benedetto, Monti, Munk.All: Gervasoni.

Arbitri: Iacono e Decorti di Gorizia

3 a 0 e a casa. Saronno mai in partita in gara 1 delle semifinali playoff per la promozione in B1: i varesini subiscono un netto 3-0 (il terzo della stagione, dopo quelli con PIacenza a Dicembre e Novara a Marzo) e in poco pià di un'ora lasciano il palazzetto padovano pensando già alla gara di ritorno. Saronno mai in gara e male su ogni fondamentale: male la battuta (12 errori e 1 solo ace), male il muro (1 solo in 3 set), male la ricezione, il vero tallone d'Achille del sestetto di Gervasoni in questo match, e male anche l'attacco. Insomma, male davvero, per una gara mai davvero iniziata. La cronaca è scarna e impietosa: padroni di casa sempre e subito avanti all'inizio di ogni set, con il clamoroso 8-0 nel terzo, e ospiti sempre a inseguire, senza mai riuscirci davvero. Non forzando la battuta (facile e fallose nel primo set, appena più incisiva nel secondo e di nuovo sterile nel terzo), non forzando l'attacco, in difficoltà in difesa sia su Drago che sui posti 4 Cibin e Suman, e non trovando nemmeno nel muro un appiglio al quale aggrapparsi per rianimare la gara (se non nel secondo set, quando Saronno tocca qualcosa e sale anche a -3, minimo svantaggio di tutto l'incontro).

"Troppo brutti per essere veri - commenta coach Gervasoni a fine gara - non ha funzionato nulla, e dobbiamo fare presto per capirne le ragioni. Non credo sia una questione di condizione fisica: lunedì ci siamo allenati con intensità e qualità con lo stesso caldo, e appena settimana scorsa abbiamo fatto 2 ore di gara intensissima a Mondovì. Sicuramente abbiamo faticato a entrare in partita: a un fondamentale buono ne sono sempre seguiti almeno un paio fallosi, e così è difficile giocare una semifinale play-off. Però in spogliatoio ho visto la giusta arrabbiatura negli occhi dei miei giocatori e sono sicuro che sabato in gara 2 interpreteremo una partita completamente diversa"

Gara 2, a questo punto vero e proprio match da dentro o fuori, è in programma sabato sera alle 21:00 al PalaDozio di Saronno: "Ci servirà il calore e il sostegno di tutti i nostri tifosi - è l'appello di coach Gervasoni - Nei playoff ci può stare un passaggio a vuoto, e in una sfida su tre partite in una settimana è fondamentale dimenticare subito quanto fatto e pensare immediatamente alla gara successiva"

19/05/10 - PLAY-OFF Serie B2VBC Mondový - Pallavolo Saronno 1-3

(25-21 / 23-25 / 22-25 / 23-25)

Mondový:Turco, Balbi, Gregorio, Gerbi, Longo, Ariaudo, Bottero (L), Coscione, Bruno M., n.e. Bruno L., Peirano, Siccardi (L2). All. Gallia.

Saronno:De Caro 3, Bagatin 18, Loparco 9, Gerbella 8, Rossi 18, Crescini 3, Giudici (L), Grisoli 7, de Finis, Di Benedetto, n.e. Munk, Bozza, Monti (L2). All. Gervasoni.

Arbitri: Lucini e Urbano di Lucca

Ed è semifinale. Saronno replica anche in terra monregalese il risultato dell'andata, in una gara fotocopia di quella andata in onda il sabato precedente a Saronno, e con il doppio 3-1 chiude la stagione di Mondovì e si prepara ad affrontare Monselice nella semifinale dei play-off promozione per il passaggio in B1.
Gara fotocopia dell'andata nell'andamento dei set e nel risultato finale ma non nell'equilibrio, visto che Mondovì è stata viva fino all'ultima palla, e Saronno ha dovuto trovare forze e risorse tecniche e tattiche per superare qualche momento di appannamento in più rispetto a quelli registrati all'andata.
Il primo set è un gioco a rimpiattino, con le due squadre che non si staccano di più di un punto fino al secondo time-out tecnico: Saronno fatica a pungere in battuta e latita a muro e difesa, Mondovì gioca con pochi fronzoli picchiando duro con Longo e Ariaudo e affidando a Balbi le palle di contrattacco. Bastano quindi un paio di errori di troppo nelle ricostruzioni saronnesi per dare il piccolo break ai padroni di casa che si intascano il primo parziale.
Alla ripresa del gioco il filo conduttore non sembra cambiare: Mondovì gioca fluido, trovando ora anche l'apporto di Gerbi, mentre Saronno fatica a trovare le azioni che diano morale e soprattutto piccoli vantaggi nel punteggio. Ci vuole il doppio cambio sui posti 4, con Grisoli e De Finis per Rossi e Crescini, ad accendere il motore saronnese. Grisoli (3 passaggi in prima linea e bottino di 7 punti per lui) mette a terra palloni incandescenti e sgrava Bagatin della feroce marcatura a muro piemontese e Saronno prende 3 piccioni con una fava: scalda il motore dell'attaccante ex Cantù, scava un piccolo vantaggio nel punteggio e fa entrare in partita anche il capitano. Sarà questo il tema portante di terzo e quarto set, con il doppio cambio in posto 4 che assicura tranquillità in ricezione e un ulteriore bocca da fuoco in prima linea, con il muro varesino che sostenuto dalla presenza costante di Gerbella e Loparco su ogni attacco di casa toglie fiato e serenità a Balbi, Gregorio e Gerbi, e con la battuta ospite che finalmente cresce di pericolosità (micidiali i turni di De Caro, vero scassinatore della ricezione di Mondovì). Il risultato è sempre in equilibrio, sia nel terzo che nel quarto parziale, ma ora Saronno ha trovato il filo conduttore della partita e in due finali di set all'ultimo respiro ci si mettono anche le difese di Giudici a fiaccare le velleità di Mondovì di rimandare ogni decisione a gara 3.

"Fino a metà del secondo set ho temuto che non riuscissimo a entrare in partita: faticavamo a pungere in battuta, a muro e difesa stavamo toccando davvero poco e qualche errore banale in fase di ricostruzione stava rischiando di sfiduciarci. E invece i ragazzi non hanno mai mollato il filo del gioco e quando abbiamo cominciato a esserci su ogni attacco di Mondovì la partita è cambiata. E poi abbiamo trovato un Grisoli super: non è facile fare 7 punti con appena 3 passaggi in prima linea, e oltre a mettere a terra alcune palle break davvero difficili ha anche permesso a Bagatin di essere meno marcato e trovare finalmente spazio per i suoi attacchi."

"Sono contento soprattutto perché vedo la squadra lottare su ogni palla: nel corso del girone di ritorno abbiamo avuto un momento in cui ci abbiamo faticato a giocare in questo modo partite così equilibrate, ma da 2 mesi a questa parte la squadra ha ricomiciato a giocare con compattezza e fluidità e ora ci godiamo il momento partita dopo partita."

"ora ci tocca Monselice, non potendo incontrare in semifinale Ongina che era nel nostro stesso girone: è una formazione che non conosciamo, vedremo di recuperare informazioni in questi giorni. Dovremo anche gestire la trasferta infrasettimanale, non solo in gara 1 ma anche nell'eventuale gara 3: un doppio svantaggio dovuto giustamente alla miglior classifica dei padovani ma che potrebbe influire in 3 sfide così impegnative e ravvicinate."

Appuntamento quindi a gara 1 delle semifinali mercoledì 26 maggio a Monselice e soprattutto a gara 2 sabato 29 maggio al Paladozio di Saronno.

15/05/10 - PLAY-OFF Serie B2 Pallavolo Saronno - VBC Mondový 3-1

(20-25 / 25-21 / 25-26 / 25-17)

Saronno:De Caro 8, Bagatin 18, Loparco 4, Gerbella 10, Rossi 18, Crescini 9, Giudici (L), Grisoli 4, De Finis, Di Benedetto, n.e. Bozza, Munk, Monti (L2). All. Gervasoni.

Mondový:Turco, Balbi, Gregorio, Gerbi, Longo, Ariaudo, Bottero (L), Coscione, Bruno M., n.e. Bruno L., Peirano, Siccardi (L2). All. Gallia.

Saronno c'è. In gara 1 dei play-off contro il temibile Mondovì i varesini strappano una vittoria frutto di tecnica, tattica e carattere da vendere. Un crescendo agonistico che rovescia l'inerzia di un primo set nel quale Mondovì ha messo in campo tutta la sua fisicità e tecnica e che porta Saronno in vantaggio nella corsa al passaggio del turno. L'inizio gara è tesissimo: Saronno sente il clima play-off e nei primi 8 punti ospiti ne concede ben 5 su errore (3 battute e 2 attacchi sbagliati). La tattica è chiara: forzare il servizio per togliere fluidità all'attacco piemontese, ma tra il dire e il fare ci sono di mezzo gli uomini di Gallia che attaccano con ottime percentuali (nessun muro saronnese nel primo set, una novità nella stagione) e spezzano l'equilibrio con la battuta di Gregorio: da pari 10 si passa in men che non si dica al 18-13 e il parziale è segnato, nonostante il doppio cambio in posto 4 (Grisoli e De Finis per Rossi e Crescini) e il tentativo di alzare il muro con Di Benedetto permettano un piccolo break (15-18) agli uomini di Gervasoni.
Il secondo set è quello che mette il timbro sulla partita: le due formazioni procedono a lungo appaiate (10-10), Saronno tenta un paio di allunghi ma Mondovì difende con aggressività e rigioca bene in contrattacco, ed è solo la battuta varesina (4 ace nel parziale firmati De Caro, Bagatin, Gerbella e Crescini) a incanalare il set verso i padroni di casa. La strada è quella giusta, e nel terzo set con la battuta sale anche il muro casalingo (5 nel set, con De Caro, Bagatin, Loparco e 2 volte Gerbella): Saronno ora mette pressione agli attaccanti piemontesi che cominciano anche a sbagliare qualche palla in più rispetto ai set precedenti e a nulla valgono gli ingressi di Coscione e Bruno per cambiare l'andamento del set. Il quarto parziale si decide tutto in avvio: Saronno tocca a muro e contrattacca con Bagatin e Rossi che marcatissimi per tutta la partita trovano ora i colpi vincenti, Mondovì sbaglia un paio di palloni di troppo e quando Saronno è avanti di 6 punti (16-10) nemmeno un momento di crisi sul turno di battuta di Gerbi riesce davvero a riaprire il match.

"Nel primo set abbiamo fatto davvero fatica a contenere il loro gioco, forse perché i molti errori in avvio hanno tolto un po' di efficacia ai nostri fondamentali migliori. Poi dal secondo set siamo progressivamente cresciuti in battuta e a muro mettendo grossa pressione sul loro attacco, e Mondovì ha sbagliato qualche palla più del suo solito aprendo la strada alle nostre mini-fughe" - commenta coach Gervasoni - "Sono comunque molto soddisfatto: nei play-off conta il risultato finale di ogni singolo match, e bisogna essere bravi a superare velocemente i momenti di crisi e continuare a seguire il filo del gioco, e questo è quello che i ragazzi hanno fatto anche dopo il primo set. Fisicamente ci siamo, e credo a questo punto che anche tecnicamente possiamo stare degnamente tra le squadre che si giocano la post-season".

Gara 2 di ritorno è in programma mercoledì sera alle 20:30 a Mondovì. "Sarà una storia nuova e completamente differente. Le caratteristiche delle due squadre sono quelle già viste in gara 1, bisognerà però vedere chi riuscirà a farle prevalere. Noi avremo da gestire la trasferta infrasettimanale e probabilmente anche una maggior pressione da parte loro in battuta visto che si gioca in casa loro, ma quando si giunge ai play-off sono difficoltà molto piacevoli da dover affrontare."

08/05/10 - Serie B2 Argentia Gorgonzola - Pallavolo Saronno 2-3

(25-22 / 15-25 / 25-17 / 22-25 / 12-15)

Saronno:De Caro 4, Bagatin 20, Loparco 12, gerbella 9, Rossi 19, Crescini 6, Giudici (L), Grisoli 1, De Finis 1, Di benedetto, n.e. Munk, Bozza, Monti (L2). All. Gervasoni.

Gorgonzola:Gaeta, Chiloiro, Perazzoli, Ardrizzi, Sciulli, Di Nardo, Villani (L), Ciuffi, Malegori, Bernardi, Pasqualini, Dossi, Levati (l2). All. Malcangi.

E sono play-off! Saronno centra l'obiettivo post season al termine di un vero e proprio antipasto di quello che saranno le sfide promozione: una gara da dentro-fuori, un match di vera intensità emotiva, con alti e bassi vietati ai deboli di cuore, momenti di ottima pallavolo e anche qualche errore impensabile in gare come queste. Il primo set è il prologo del tira e molla che caratterizzerà l'intero incontro: Saronno parte bene (8-6) poi subisce il rientro dei martesani che sfruttano il muro, qualche errore saronnese e soprattutto il contrattacco di Sciulli e Chilorio. Sembra chiuso (21-16) e invece Saronno (dentro Grisoli e De Finis, e poi anche Di Benedetto) rientra sul 22 pari ma due difese mal gestite permettono all'Argentia di far proprio il parziale. Gara indirizzata? Neanche per sogno, perché il secondo set è un monologo varesino: 15-7 a metà parziale, con Gorgonzola che fatica ad attaccare, Saronno che tocca tutto (8 muri di contenimento nel set) e attacca in modo fluido. Nel terzo si ribaltano le parti: Gorgonzola fugge 13-9 e sembra scappare via definitivamente ma Saronno ha ancora la forza di ricucire fino al 14-13 quando fatica a fare cambio palla e Gorgonzola dilaga. Il quarto set è il più tirato, bello, combattuto e importante della stagione: le due formazioni procedono appaiate punto a punto e sono la battuta (3 ace) e il muro (4) di Saronno a fare la differenza nel combattuto finale. Tutta una stagione in un set, e che set: il tie-break è tiratissimo, Saronno prova l'allungo sul 6-3, Gorgonzola impatta a 8 e in un parziale in cui Saronno mette a terra appena 3 attacchi è il muro biancoblu (ben 5) a mettere il macigno che significa play-off.

"Credo che lo meritassimo e che ce lo siamo meritato anche sul campo - commenta coach Gervasoni a fine gara - abbiamo fatto gli stessi punti all'andata come al ritorno, solo Carnate ci ha battuto due volte, siamo sempre stati nelle prime 4: uscita di scena Piacenza credo che meritassimo noi di accedere ai play-off. Era il nostro obiettivo stagione, dare continuità al lavoro fatto nelle stagioni precedenti e continuare a rimanere nell'elite della B2, e sono particolarmente soddisfatto di quello che i ragazzi hanno messo in campo, sia a Gorgonzola che nel corso della stagione. Abbiamo avuto momenti ottimi e altri di difficoltà, ma come a Gorgonzola non abbiamo mai perso la bussola e alla fine siamo giunti alla nostra meta."

"La gara di Gorgonzola è vissuta su molte fiammate: alla fine a premiarci è stata la costanza di cercare il muro punto fino alla fine: sotto 2 set a 1 abbiamo fatto 4 muri nel quarto set e 5 nel tie-break. Numeri con i quali è difficile perdere un set".

"Ora ci tocca Mondovì, una formazione che ha storia ed esperienza sia in campo che dal punto di vista societario. Sarà importante capire bene con che assetto giocheranno, visto che nella stagione hanno alternato Coscione e Turco in palleggio, e Bottero ha giocato sia schiacciatore che libero. E poi sarà importante prendere in fretta le misure a Balbi, un attaccante davvero impressionante. Di sicuro noi non avremo più la pressione del risultato sulle spalle: cercheremo di mostrare la nostra pallavolo e possibilmente fare un po' di strada per creare entusiasmo a Saronno. Anzi, a questo proposito mi sento di chiedere a chi ci segue abitualmente di portare a vedere la partita al Palazzetto di via Dozio un amico: questi ragazzi fanno cose ottime da 3 anni a questa parte e sarebbe bello che ci fosse un uomo in più in campo insieme a loro"

01/05/10 - Serie B2 Pallavolo Saronno - Gibicar Camp. Emilia 3-0

(25-12 / 25-18 / 25-18)

Saronno:De Caro 3, Bagatin 21, Loparco 8, Gerbella 4, Rossi 16, Crescini 5, Giudici (L), Grisoli 2, de Finis, Di Benedetto, Bozza, Munk, Monti (L2). All. Gervasoni.

Campagnola:Bellei, Bianchi, Borciani, Brianti, Bulgarelli, Foroni, Malaguti, Oliverio, Prato, Tacconi, Vaccari, Davolio, Managlia (L). All. Barozzi.

Tre punti e pratica archiviata. Era l'unico risultato auspicabile per Saronno, per mantenere il margine di vantaggio su Gorgonzola, e così è stato, al cospetto di una squadra che ormai ha chiuso la propria stagione (e forse anche il sodalizio, viste le voci di vendita dei diritti di B2) e che è giunta a Saronno anche con qualche assenza pesante. Insomma, una gara con poco sugo, a parte il folto pubblico saronnese, zeppo di studenti e ragazzi e ragazze delle giovanili che hanno incitato dalla prima all'ultima azione i giocatori varesini. La cronaca è piuttosto scarna e presto detta: Saronno parte forte con Ale Rossi, Campagnola tiene solo grazie all'opposto Prato, e quando anche Malaguti e Vaccari trovano strada chiusa dal muro saronnese (ben 6 nel primo parziale, per chiarire subito le idee) c'è poco da fare: 16-10 per i padroni di casa e una morbida discesa verso il primo vantaggio. Barozzi nel secondo rimescola le carte (Brianti per Bellei in palleggio) e la gara rimane viva giusto fino al secondo time out tecnico (16-14 per Saronno) dopo il quale Bagatin e compagni decidono di non rischiare e scappano al 25. Il terzo set registra l'unico vantaggio ospite (13-12, grazie al turno di battuta di Borciani) ma è solo un passaggio, perché Saronno si riprende al volo e con il turno in battuta di Loparco fiacca ogni velleità ospite e chiude in poco più di un'ora la penultima gara di regular season.

"Dovevamo vincere con punteggio pieno e così è stato: ora ci giochiamo tutto nello scontro diretto con Gorgonzola - commenta coach Gervasoni a fine gara - Speravo in un regalino da Olgiate, visto che alla Cupola non è mai semplice giocare, e invece Gorgonzola ha fatto bottino pieno. Ora ci aspetta un antipasto di playoff: nonostante il punticino di vantaggio solo la vittoria in campo permetterà a noi o a Gorgonzola di accedere ai playoff, e probabilmente è anche giusto così: dietro a Carnate e Ongina noi e loro ci siamo sempre stati, e il calendario ha voluto questa sfida da dentro o fuori quando non ci saranno appelli. Non sarà facile, all'andata ci inflissero la peggior sconfitta della stagione e a Gorgonzola non è mai semplice giocare, ma dopo tutti questi mesi di impegno e lavoro sono sicuro che ci giocheremo le nostre carte".

I nostri sostenitori Vai al sito Decathlon Vai al sito Sacco SRL Vai al sito Temno Vai al sito Femar Vai al sito AIE Vai al sito Monks.it Vai al sito del Comune di Saronno Vai al sito della FIPAV Varese Vai al sito Accademia Italiana Shiatzu-do Vai al sito Transaltion.it Vai al sito Eurofed Vai al sito AZ Translation Vai al sito dpemme.it